restart-logo

Il Progetto

ArtMe è lieta di darti il benvenuto a Restart – Mostra “Riflessioni”: un momento di meditazione e ripartenza in forma di mostra a cielo aperto dalla durata di due settimane.

Restart è ripartenza. Attraverso la moderazione di un inaspettato dialogo tra arte ed imprese del territorio ArtMe si fa promotrice di un’azione congiunta volta a dis-seminare le opere di giovani fotografe nelle vetrine dei commercianti di una zona nevralgica di Milano come Porta Venezia.

Il periodo che precede l’inizio di questa iniziativa è spesso associato a vocaboli che rimandano a sensazioni di “chiusura”, “stop” e “paura”. Restart nasce invece da fondamenti di “apertura” “movimento” e “speranza” che trovano realizzazione nell’esposizione di fotografie di giovani artiste nelle vetrine di negozianti di via Castaldi.

ArtMe si presenta come catalizzatore nel ridefinire luoghi di passaggio in palcoscenici di creatività degni di profonde “Riflessioni”.

Collocare nelle vetrine di elettricisti, bar, profumerie e non solo opere solitamente "limitate” alla piccola “finestra” di una parete, significa gridare a squarciagola che il dialogo tra forme d’arte e commercio è il vero motore di ripresa individuale ed economica per Milano ed il paese intero.

Come vivere la mostra

La mostra “Riflessioni” si sviluppa lungo via Castaldi esposta nelle vetrine degli esercenti che hanno aderito al progetto e sarà vivibile e visitabile dal 26 Giugno all’11 Luglio. Sentiti libero di passeggiare in questa galleria a cielo aperto soffermandoti sulle opere che ti attirano di più; nella mappa interattiva in questa pagina trovi la posizione precisa delle opere nel negozio di riferimento in modo da non perdere nessun elemento della mostra.

Per l’occasione abbiamo pensato ad una mostra interattiva: nelle vetrine che contengono le opere principali delle sette artiste troverai un QR code che ti permetterà di accedere alla pagina della fotografa nella quale troverai contenuti aggiuntivi.

ryan-stefan-5K98ScREEUY-unsplash

Riflessioni

La fotografia, si sa, vive e si rafforza nel rapporto con la realtà ma che cosa succede quando questo si attenua fin quasi a scomparire? In altri tempi la domanda sarebbe parsa un esercizio teorico ma la recente emergenza sanitaria che ha costretto tutti a rinchiudersi per molto tempo in casa l’ha fatta diventare di stretta attualità. Se tutti hanno così cominciato a interrogarsi, i fotografi lo hanno fatto usando i loro mezzi per dar vita a una serie di riflessioni sul senso stesso del fotografare e sulla sua potenza espressiva. Abbiamo dunque chiesto a sette autrici di raccontarci questo periodo con immagini capaci di rappresentarne le atmosfere, i timori, le speranze, le prospettive. Il risultato è un panorama volutamente diversificato perché dà conto delle tante sfaccettature della realtà e dei tanti modi di osservarla. Si passa così dai toni poetici usati da Sanni Agostinelli per posare lo sguardo sui particolari del suo appartamento ai netti contrasti che caratterizzano simbolicamente il bianconero di Lucrezia Albani, dall’ironia divertita con cui Marta Baffi si interroga sulle piccole manie con cui fare i conti alla profonda indagine di Eleonora Bosna che si interroga sull’identità femminile, sulle sue fragilità, sulla sua forza. Se Benedetta Pitscheider e Silvia Tampucci si soffermano sugli interni delle loro case cercando nelle ombre, nelle lame di luce, negli angoli gli appigli per proiettarsi verso il futuro, Valeria Cammareri usa la sua finestra come un affaccio verso un esterno di cui coglie frammenti di vita in un crescendo che si conclude come una liberazione.

Il titolo di questa mostra Riflessioni allude non solo al pensiero che le autrici ci chiedono di condividere ma anche a queste vetrine che, ospitando l’intera mostra, trasformano via Panfilo Castaldi in una galleria a cielo aperto da godere in piena libertà perché oltre i vetri possiamo tutti cogliere riflessi di vita.

Le Artiste

Marta Baffi
Autoritratto Valeria Cammareri 24399837440_7c2fc9070b_o
Lucrezia Albani
Sanni Agostinelli
Eleonora Bosna fotografia 3
Silvia tampucci
Benedetta Pischeider

Grazie agli esercenti partner